Niente mascherina, niente retribuzione

Il Tribunale di Venezia ha precisato che l’utilizzo della mascherina nei luoghi di lavoro è una misura di sicurezza e di igiene imposta dalla diffusione della pandemia.
 
Ne consegue che l’inottemperanza del lavoratore alla disposizione datoriale di indossare la mascherina nel corso di una riunione costituisce inadempimento sanzionabile con:

– la sospensione dal lavoro e
– la sospensione dalla retribuzione.
 
Ciò, in quanto il datore di lavoro è garante dell’obbligo di tutela della salute dei dipendenti nei luoghi di lavoro ed è tenuto ad adottare tutte le misure dirette a prevenire il diffondersi dell’epidemia da coronavirus.

Trib. Venezia, sentenza del 4 giugno 2021
#NMnews